Fondazione Homo Novus.png

Rito di Radice

Comitati Umanistici

Approccio Quantistico

Che utilizza computer portatile
Lezione universitaria

Sincronicità e destino in vita

Fondazione Homo Novus.png

Debora Reggiani

Rito di Radice

Naturopata umanistica, Operatrice in Biodiscipline, consulente antropologica

5 marzo 2021, 10:48:55

Rintracciare ciò che siamo nell’ambito della nostra intimità

Di vitale Importanza risulta rintracciare ciò che siamo nell’ambito della nostra intimità: mi sono infatti, rivolta ai miei studi sull’Energetica cinese e sulla bioenergetica, e ho valutato come secondo gli studi di Kammerer e altri studiosi della fisica quantistica il concetto di campo assume connotati differenti. Vero è infatti che neutroni, neutrini e protoni sono strettamente interrelati, dall’altra vi sono poi le intuizioni del Tao senza Nome nell’ambito degli studi della Medicina Cinese.

“Onnipresente e continuo nella vita, nel cosmo e nella natura, è il cordone ombelicale che connette pensieri, sensazioni, scienza e arte all’universo che li ha partoriti”. Infatti se ci pensiamo, noi siamo esseri senzienti dell’Universo.. e allora non sarebbe buono connettere la legge di causa –effetto con i principi della filosofia e della gnosis orientale ovvero il Tempo Diacronico con il Sincronico?

La sincronicità è un flusso ininterrotto di eventi in un determinato tempo e in un prestabilito spazio contraddistinti da una interrelazione profonda.
Ad esempio, proviamo ad immaginare una persona che inizia un certo percorso di studio che decide all’improvviso di smettere. Perché? Direte voi, ma perché gli era stato suggerito da altri. Aveva iniziato a studiare matematica e invece voleva studiare antropologia; per cui in un determinato momento il soggetto X nello svolgersi del suo canovaccio interno incontrerà persone e luoghi che avranno una fonte energetica caratterizzata da quello stesso tema per cui prova attrazione e desiderio. Tuttavia, solo l’attraversamento del negativo (sensazioni e pensieri) gli permetterà di giungere al suo profondo desiderio.
Traslato poi, per effetto analogico, possiamo parlare di questa Pandemia che stiamo vivendo ovvero il Covid 19; io propendo per un’ipotesi che vira verso la Legge della Sincronicità, che supera il concetto di dualità, ovvero il Maschile- Femminile, attraversa il pensiero femminile e che è in grado di rintracciare le valenze sincroniche, ad esempio nel Tao.
Esempio:
“La mente estetica intuitiva ascolta il brano nel suo insieme per le sue qualità ricettive femminili ; il contatto con le emozioni diviene un evento per ciò stesso globale.”
Quindi, le cause del Covid- a mio avviso- si ritrovano in un determinato tempo- spazio in una altra nazione, poiché quelle erano state combinate in un determinato momento e che hanno creato gli effetti quaggiù, in una determinatezza sincronica e che trova valore nella legge di causa -effetto. Pensiamo a quale valore ha assunto l ‘inquinamento atmosferico nello spiegare i risultati pandemici da una parte all’altra del pianeta in una stretta relazione di interdipendenza.
I 4 Principi ispiratori:
1- La legge invisibile del Cosmo, Li,
2- L’applicazione o Fa
3- La sanzione vera- Tze
4- Il rito- Lu
Il 4° rappresenta il Rito, ovvero quell’elemento che consente di attraversare in modo ripetuto i miei corpi visibili e sottili, quasi da parere magico. Ma di magico non v’è nulla s e non quel Vuoto del Campo o quel Campo vuoto di cui tanto si parla (ad esempio nelle culture ove lo sciamano è figura di rilievo).

Quante volte abbiamo sentito parlare infatti, dello Sciamano che si connette con mondi altri tramite visioni e-o sogni lucidi? Il mio Io pensante poi può entrare in contatto con colui o colei con cui sto parlando, tale evento può essere definito come interconnessione invisibile, ovvero come relazione fra corpi sottili.
Forse allora, oggigiorno meglio sarebbe ripensare e mutare il nostro paradigma di riferimento se non vogliamo veder implodere il nostro modello di vita.
Vogliamo approdare allora ad un processo sincronico anche per agevolare quella Matrice che sovrintende il nostro sentire?